Frullati di frutta & verdura? Tranquilli, vi spiego io…

Su quei giornali che sfogliamo invece di combinare qualcosa ci sono Miranda Kerr e Gwyneth Paltrow che passeggiano per Los Angeles con i loro beveroni verdi… su Instagram spuntano come funghi foto di vasi bormioli pieni di liquido verde smeraldo (quando va bene) ma più spesso tendente al color pantano (quando va un po’ meno bene)… finché un bel giorno quella pazza della nutrizionista lo ha detto anche a te: comincia a bere frullati verdi e la tua vita cambierà.

Panico. Ma da dove si comincia?!?

Don’t worry, sono qua apposta: ecco una guida per entrare nel Fantastico Mondo Dei Frullati Verdi – Miranda, Gwyneth, fatevi da parte!

Erbe selvatiche
Eh lo so, sui muscoli ci devo lavorare… ho altre doti!

Ti serviranno:

  • 200 ml circa di base liquida, scegli fra:

o    Semplice acqua!

o    Latte vegetale senza zucchero/porcherie aggiunte: mandorla, riso, avena…

o    Thè verde, freddo

… comincia con poco liquido, lo potrai sempre aggiungere dopo!

  • Una/due manciate  di foglie verdi, meglio se di stagione! Scegli tra una o più:

o    Erbe spontanee: tarassaco, ortica…

o    Rucola, prezzemolo

o    Cavolo nero o cavolo riccio

o    Coste, cicoria…

… e qualsiasi altra ti venga in mente: basta variare e non esagerare con gli spinaci (mangiati crudi possono creare problemi nel lungo periodo). Se sei alle prime armi, comincia con poca foglia verde, così da capire come funziona!

  • Un frutto, meglio se di stagione! Scegli tra:

o    Mela, pera, prugne, kiwi…

o    Albicocche, pesche, fichi…

o    Frutti di bosco freschi o surgelati

o    Ananas, mango, banana (meglio surgelata!)

…la qualità della frutta è fondamentale nel risultato finale: per capirci, se usate una meravigliosa dolcissima pesca matura qualsiasi combinazione riuscirà bene; se ne usate una da supermercato, maturata col gas e in cella frigorifera da tempo immemore… insomma, ci siamo capiti 😉

  • Gli “extra” – la parte più divertente! Comincia con:

o  una spruzzata/  ¼ di limone, senza buccia ma prova ag aggiungere un pochino della parte bianca

o    Zenzero fresco, a piacere, o menta fresca, o curcuma, ma anche vaniglia, cannella…

o    Dattero denocciolato

o    Un cucchiaio di tahini, o crema di mandorle o burro di cocco o un cucchiaino di olio di semi di lino– indispensabile per assorbire bene il cocktail di vitamine liposolubili, per alleggerire il carico glicemico e regalarti una pelle da superstar!

→ Frulla sempre prima la base liquida e le foglie; aggiungi tutto il resto e frulla di nuovo – i tempi e quanto dovrai tagliare gli ingredienti dipendono dalla potenza del tuo frullatore;

→ Usa sempre almeno una porzione di frutta surgelata, renderà il frullato molto più fresco e cremoso! Consiglio la banana surgelata per cominciare (mi raccomando: surgelarla già tagliata a rondelle e “porzionabile”).

→ Non scoraggiarti se non ti viene bene la prima volta: aggiustalo con qualche dattero se non è abbastanza dolce, o magari aggiungi acqua o limone o altra banana… continua a sperimentare!

→ Un frullato si conserva un paio di giorni in frigo: fanne in più e metti quello che avanzi in bottigliette di vetro o vasi con tappo a vite (tipo Bormioli) – sono belli ed ecologici!

… e qual è la tua ricetta preferita? Sono sempre alla ricerca di nuove idee e del mio prossimo frullato preferito, quindi fammi sapere!

Qualche problema ad entrare nel mondo del frullo? Scrivimi due righe o lascia un commento se hai bisogno di consigli.

Peace, love & smoothies

Susanna xo

Susanna Villa Nutrizione Naturopatica

Annunci

4 commenti

  1. Ciao Susanna, scopro ra il tuo blog (meglio tardi che mai…), molto interessante!
    Vorrei anch’io entrare nel mondo dei frullati verdi, ma ho un dubbio sul frullatore: a parte i modelli americani pensati proprio per frullare verdura e semi, tipo Vitamix o Blendtec che però costano uno sproposito, sai indicarmi un buon frullatore sul mercato italiano? Tu cosa usi? Sono disposta a spendere a patto di avere qualità e lunga durata.
    Grazie!
    Luisa

    • Ciao Luisa! Dipende molto da come pensi di usarlo, per che preparazioni e con che frequenza… io sono follemente innamorata del Vitamix, e si è già ripagato da solo perchè lo uso tantissimo. Ma per fare dei semplici frullati puoi tranquillamente usare un frullatore da 50€, magari la consistenza non sarà proprio perfetta ma per cominciare vanno benissimo! Ti scrivo poi in privato 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...