Healthy travels – In forma anche (soprattutto) in vacanza!

 

Travelling

Primo giorno d’estate: il vestitino è riemerso dall’armadio, le zanzare sono riemerse da ogni dove, Enrique Iglesias pure è riemerso – tutto regolare.

Se non siete in partenza, scommetto lo sarete presto: dopo un inverno passato ad insegnarvi trucchi & trucchetti in cucina, ora vi passo qualche perla di saggezza per restare sani (o quasi) anche in viaggio. Tutto rigorosamente testato in anni di vagabondaggio!

  • Organizzarsi – la parola d’ordine di sempre. A seconda delle vostre esigenze (vegan, senza glutine, paleo…) fate un minimo di ricerca prima di partire e segnatevi un paio di ristoranti, baretti e soprattutto health stores/negozi bio dove fare, una volta a destinazione, il pieno di cosette un pò più sane da alternare a gelato/frittomisto/shottini-di-tequila-con-limone-preso-direttamente-dalla-bocca-del-barista-spagnolo. E anche se non siete vegetariani: dovendo andare a scovare ristoranti vegan sono sempre incappata in vere e proprie perle nascoste, poco turistiche in posti dove non mi sarei altrimenti mai avventurata… la deliziosa cucina di una vecchietta a Montmartre a Parigi, una terrazza con vista mozzafiato su Stoccolma, questa piazzetta a Londra, quest’altra meraviglia a Boston… insomma, infilatelo un pasto veg nella vacanza, anche se siete onnivorissimi: il pancino vi sarà eternamente grato e avrete fatto una passeggiata fuori dalla zona di comfort (cosa per cui faccio sempre il tifo. Uscirne, intendo).
  • Green Smoothie budget – quando sono in viaggio in città dove è plausibile trovare smoothies (sempre più facile ormai, yuppidù) metto in budget e in programma un frullato sano al giorno: sì, si parla di 5-8 € a botta… l’equivalente di una o due birre. Ma credetemi,  fa veramente la differenza su livelli di energia, regolarità intestinale, e in generale essere veramente in forma quando si è in giro… e non so voi, ma io se ho preso un aereo/fatto ore di macchina voglio avere energia da vendere e che tutti gli amici che sono andata a trovare mi dicano “MA COME TI VEDO BEEEEENEEEEE, si vede che abiti in campagna e fai la vita sana!” Yeah baby, green smoothies are the answer. Se si è via per più di qualche giorno diventa una bella spesa, ragion per cui sono una super fan di 1) vacanza in appartamento con un minimo di cucina; 2) trucchi, trucchetti, polverine & pozioni che trovate di seguito. E come vi dico sempre, state lontani dai centrifugati, a meno che non siano di sola verdura: indice glicemico troppo alto, no no no.
  • Sporchi trucchi, polverine magiche, pozioni – Sporco trucco #1: snacks! Preparatevi un mix di frutta secca e disidratata da tenere sempre a portata di mano, così da non dover cedere alla Rustichella in autogrill o alle Fonzies in aeroporto: mandorle, noci, anacardi, noci del Brasile, nocciole con more di gelso, prugne, bacche di goji, mela, ananas… quando scegliete la frutta disidratata guardate sempre che non contenga solfiti, zucchero aggiunto e altri conservanti strani (bio is the answer!). Sporco trucco #2: portatevi un superfood in pastiglie/capsule! Non sono una grande fan degli integratori, ma in viaggio avere della clorella, della spirulina, degli enzimi digestivi o delle fibre extra può essere un vero toccasana (no al fai da te però: quando dovete scegliere di integrare, fatelo con l’aiuto di qualcuno che Ne Sa). Sporco trucco #3: prendetevi cura della vostra flora batterica intestinale! D’obbligo se siete diretti fuori dall’Europa, ma male non fanno anche se non vi allontanate troppo: poche cose sterminano la flora intestinale come lo stress di un viaggio (aereo/cibi non-esattamente-salutarissssimi/esposizione a batteri nuovi). Cominciate a prendere dei probiotici almeno una settimana prima di partire e continuate mentre siete in viaggio, e se la trovate bevetevi della buona kombucha. Prego!  #BacteriasAreAGirlsBestFriends
  • Plane food? No thanks – SOPRATTUTTO se vegetariani, vi consiglio vivamente di star lontani dai pasti serviti sugli aerei: questo sarebbe un lungo post a parte, ma intanto vi dico vi prego, organizzatevi e non fatevi nemmeno portare il puzzolentissimo vassoietto! Una bella insalata fredda di quinoa con verdure crude, frutta fresca già tagliata, croccante di mandorle o nocciole – organi interni che fanno la ola e arrivo a destinazione un pò più in forma di uno straccio appena uscito da lavatrice. L’importante è evitare cibi puzzolenti (siate altruisti – no cavolfiore, bagna cauda e rapanelli marinati please), liquidi se non in minuscole quantità, frutta che vi renderebbe appiccicosi dalla testa ai piedi. Se avete bisogno di qualcosa di “secco” per sistemarvi il pancino, ottimi i cracker di avena o gallette di grano saraceno/riso integrale.
  • Routine del mattino – cercate di mantenere le buone abitudini soprattutto al mattino: pulizia della bocca, acqua calda e limone, un pò di stretching/saluto al sole, un frutto… così che il successivo cornetto & cappuccio siano un pò meno deleteri!
  • Vacanza in appartamento – sarà perchè a me stare in hotel non piace, ma una vacanza in appartamento con cucina me la godo mille volte di più: è un must se avete intolleranze/allergie serie, per potervi cucinare almeno qualche pasto a casa. Non dico che dobbiate incatenarvi ai fornelli anche in vacanza, ma potersi fare almeno qualche pranzo/frullato con pochi semplici ingredienti farà tutta la differenza in termini di benessere – sì sono buone le cose del ristorante, ma perchè piene di zucchero, sale, olio, formaggio, quant’altro. Risparmierete, starete meglio, e quanto bello è andare a far la spesa al mercato locale????
  • Due parole sul viaggiare con bimbi – giusto due perchè non sono ferrata in materia. Primo, lasciar perdere sempre i “menù per bambini” dei ristoranti, davvero da denuncia da un punto di vista nutrizionale – piuttosto chiedete che vi preparino qualcosa sul momento; il sacchettino di frutta secca e disidratata sempre a portata di mano è d’obbligo; e poi seguite il blog di The Green Kitchen che loro viaggiano sempre in modo meraviglioso con una carovana di bambini biondi e non ne sbagliano mai una!

Baule

Ecco qua kids, buone vacanze, portate la metà dei vestiti di cui pensate di aver bisogno, non vi ustionate e flirtate senza ritegno con baristi, bagnini e istruttori di surf.

Stay cool, healthy & wonderful

Susanna XO

 

Annunci

One comment

  1. Inorridisco anch’io davanti ai “menù bambini” che offrono la maggior parte dei ristoranti…sempre e solo cibi fritti e proteine animali a valanga!Ogni tanto spunta una pasta al pomodoro (rigorosamente penne), ma credo potrebbero fare di meglio!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...