Non ammalatevi, che c’è bisogno di supereroi… ovvero: immunità 2.0

[Questo post è un trailer: se volete saperne di più, invece di passare la domenica a letto con gatti, fidanzati, amanti e peluche venite al workshop di yoga & nutrizione con me e Anna a Cremona- il focus è tutto sul sistema immunitario, a 360°, da quello che vi serve per non ammalarvi, per guarire in fretta quando ormai la frittata è fatta, e in generale per essere sempre a livello supereroe (che c’è taaanto bisogno, di supereroi…) – dalle 10 alle 13, il che vi lascia ampio margine di recupero tempo a letto con gatti, fidanzati, amanti e peluche. Ah bhè e oltre a fare yoga con Anna e sentire la lezione della maestrina sottoscritta mangerete e berrete tante cose belle & buone 🙂 ]

Ciao, sono Susanna e anche se mangio molto bene e dormo e rido molto, questa settimana il raffreddore l’ho pigliato pure io.

golden-mylk

Capita a tutti, nutrizionisti ed elettricisti, vegani hippie e fedeli frequentatori del November Pork, surfisti e campioni di pennichella… nel mio caso: tanto lavoro, eccesso di gioia ed entusiasmo che hanno inciso notevolmente sulle ore di sonno (arrivate a 4 per notte), un panino con melanzane e pomodori secchi mangiato di fretta su un Intercity, un po’ di imbruttimento milanese e patatrac, tre giorni di raffreddore. Fine del mondo? No. Si ascolta il messaggio, si aggiusta il tiro, si impara la lezione e si riparte.

Un sistema immunitario sano non è quello che non vi fa mai ammalare – è quello che vi fa pigliare un paio di raffreddori a stagione, che passano in due/tre giorni, dopo i quali state addirittura MEGLIO di prima. Mai provata la sensazione? Come ci si sente dopo aver fatto le pulizie, dopo aver arieggiato una stanza: energie rinnovate, tossine smaltite, riposati. Il problema è invece quando un raffreddore si trascina per settimane, sfiancandovi, quando si comincia con la tosse che poi diventa febbriciattola che poi diventa sinusite che poi diventa susannaaiutocosaprendosonosempremalata. Mentre non credo ai rimedi miracolosi quando ormai si è ridotti a un cumulo di muco e fazzoletti, credo fermamente alle tante piccole cose che potete (anzi, dovete) fare ogni giorno per evitare di raggiungere la fase cumulo-di-muco-fazzoletti-autocommiserazione.

Siete pronti? Prendete carta e penna o lavagnetta e gesso, salvatelo su Evernote o pinnatelo su Pinterest, quel che vi pare, ma ricordate di:

  • Dormire. E non dall’una di notte alle sette del mattino: il sonno che davvero rigenera è quello che comincia ben prima della mezzanotte, quindi spegnete quel cavolo di smartphone, leggetevi un libro e cercate di spegnere la luce al massimo alle undici! Darete così al vostro organismo l’opportunità di lavorare per voi, mentre voi dormite… meglio di così!
  • Imparare a riconoscere, gestire & evitare stress e persone che vi decimano i linfociti. Lo stress è onnipresente e sacrosanto, gli ormoni e meccanismi dello stress sono parte integrante della nostra fisiologia e senza saremmo morti – quando diventa cronico però è anche la più letale tossina che ci sia in circolazione: abbassa le difese immunitarie, ha effetti devastanti sulla salute gastrointestinale, vi fa invecchiare e ingrassare: brutta roba. Si può evitare? Spesso no, anche se certe persone si possono evitare, se ci pensate bene. Si può imparare a gestire e smaltire efficientemente? Oh certo che sì. Non ho il controllo su quello che mi succede, ma ho il controllo su come reagisco a quello che mi succede. Riprendete il controllo, il segreto è quello.
  • Prendere freddo! Quando sento dire “ho preso freddo e mi sono ammalata”, mi viene sempre un po’ da ridere… ho passato lo scorso inverno a mollo nel mar Ligure, aggirandomi spesso scalza e in una muta fradicia: per la prima volta in vita mia, non mi sono mai presa nemmeno mezzo raffreddore, per più di un anno. il problema è il troppo caldo che teniamo in casa e in ufficio, il riscaldamento che ci secca le mucose e fa proliferare i germi, il non respirare aria fresca in alcuni casi per giorni. Prendete freddo, in modo intelligente, ma prendete freddo e vi ammalerete meno – garantito.
  • Evitare quello che già sapete, non fate i finti tonti: farina bianca, zuccheri aggiunti, stimolanti, carne di maiale, solanacee, arance… non aggiungiamo infiammazione all’infiammazione, facile!
  • Includere quello che già sapete, che ve lo dico affffà: non mangiate solo verdure stracotte, ma anche una componente di verdura cruda – soprattutto foglie verdi, che hanno una marea di vitamina C, e quelle fibre che servono a smaltire le tossine accumulate. Tante spezie soprattutto”fresche” – radice di zenzero e curcuma, ma anche rosmarino, origano, cannella, cumino… abbondate! Ottimi gli shottini di curcuma, zenzero, limone e pepe, solo per i veri duri…
  • Mantenere sano l’intestino. Perchè è proprio lì che risiede gran parte del nostro sistema immunitario: con un intestino compromesso, non possiamo pensare di non ammalarci. Quindi alimenti probiotici, per mantenere sana la flora batterica: miso, crauti, tempeh, verdure fermentate di ogni tipo, e fibre di buona qualità come prebiotico; e chiudo il cerchio, ricordandovi che lo stress è un vero e proprio killer della flora batterica intestinale (quella buona) (quella senza la quale saremmo morti).

E se invece ormai è successo? Gola calda, naso che pizzica, ossa indolenzite… bhè, per quello ci vuole un altro post, oppure venite al Workshop di Yoga e Nutrizione con focus sul sistema immunitario domenica 20 Novembre a Cremona!

[per info e prenotazioni info@susannasway.com o 327.9542263]

E giù di shottini di curcuma – stay cool, kids XO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...